CANZONI FACILI PER ARMONICA IN DO - TRE BRANI DA SUONARE A NATALE

Una notte stellata con la neve e le renne che volano

Benvenuto! Questa pagina è stata integrata con il materiale audio e le partiture in formato tabellare per aiutare i non vedenti a seguire la lezione. I link per scaricare il materiale e quelli per la navigazione nelle altre pagine li trovi qui sotto. Contattami se vuoi informazioni riguardo alle lezioni personali.

Materiale della lezione con partiture e file audio.

Il Natale è alle porte? Vorresti stupire amici e parenti durante la cena della vigilia o il pranzo del 25 dicembre? Sei capitato sulla pagina che fa per te: in questo articolo ti presento tre dei più famosi e simpatici brani da suonare con l’armonica a bocca. Si tratta di canzoni che tutti conosciamo sin da bambini e che sicuramente rievocheranno in te e in chi ti ascolta molti ricordi. Non c’è niente di più bello che osservare alla finestra la neve che scende, circondati dai nostri cari e sorseggiando un bicchierino dopo il banchetto natalizio. A tutto questo aggiungi le melodie di queste canzoni e il quadro sarà davvero completo.

Per imparare questi brani ti basta un’armonica in DO, chiamata anche in C e seguire le indicazioni delle tablature che ho preparato per te. Suoneremo sempre in prima posizione usando le note naturali della scala maggiore.

Ho scelto queste tre canzoncine per la loro semplicità, perché sono conosciute da praticamente tutti i bambini e perché per essere eseguite non richiedono particolari abilità. Non ci sono note che per essere suonate richiedono la tecnica del bending e imparare questi brani sarà per te un ottimo esercizio poiché si lavora soprattutto sulla parte alta dello strumento, dove spesso ci si sofferma poco a vantaggio dei primi fori. Ricordati che l’armonica merita di essere studiata e utilizzata su tutta la sua estensione!

Devi sapere che dietro a queste tre semplici canzoni di natale ci sono dei numeri che hanno dell’incredibile e anche degli aneddoti storici di grande rilevanza. Sei curioso? Continua a leggere…

Il primo brano di che ti presento si chiama “Jingle Bells”. Fu scritta da James Lord Pierpont e pubblicata nel 1857. Viene da noi cantata nel periodo natalizio ma in realtà era nata per essere eseguita durante il giorno del ringraziamento americano. Jingle Bells è stata nel corso degli anni rielaborata e interpretata da diverse celebrità tra le quali Louis Armstrong, Frank Sinatra, Luciano Pavarotti e persino i Beatles. Il testo della canzone non parla affatto di renne e doni natalizi ma bensì di una slitta trainata da un cavallo sulla cui coda sono attaccate delle campanelle che suonano rallegrando l’aria intorno. 

Le note di Jingle Bells per armonica - ritornello
Le note di Jingle Bells per armonica - strofa

Il secondo brano si chiama “Astro Del Ciel” e il titolo in inglese è “Stille Nacht”, scritta da Joseph Mohr e Franz Xaver Gruber tra il 1816 e il 1818. Questo brano, trai i più conosciuti canti di natale, ha origini austriache ed è stato tradotto in più di 300 tra lingue e dialetti. La canzone ha una storia davvero importante: dovete sapere che nel 1914, ad appena 5 mesi dallo scoppio della prima guerra mondiale, sul fronte occidentale, il 24 dicembre nelle trincee i soldati dei due schieramenti opposti si fermano. Ognuno intonerà la canzone di natale del proprio paese e tra queste Astro Del Ciel. L’evento fu un vero miracolo di pace.

Le note di Astro del ciel per armonica - strofa

Il terzo e ultimo brano che ti presento è intitolato “Tu scendi dalle stelle”. Il più vecchio tra i tre che ho scelto per questa rubrica, è noto anche con il titolo di “Canzoncina a Gesù Bambino” ed è a tutti gli effetti una canzone italiana. Fu scritta nel 1754 dal vescovo santo Alfonso Maria de’ Liguori, a Deliceto, un paese in provincia di Foggia. Questo è tra i brani natalizi italiani più famosi. Il testo di questo brano ha un significato profondo e vede Dio portarsi a condividere la condizione umana sulla terra, come dimostrazione di immenso amore nei confronti dei suoi figli nonostante questo amore non venga compreso. Proprio il fatto che l’umano non corrisponda l’amore per il divino rende questo dono ancora più importante.

Che aspetti? Prendi la tua armonica e impara questi tre brani, dal momento della pubblicazione di questo articolo (oggi è il 24 novembre 2019) hai esattamente un giorno per studiare!

Le note di Tu scendi dalle stelle per armonica - parte 1
Le note di Tu scendi dalle stelle per armonica - parte 2