ESERCIZIO DI BASE DI CHITARRA E ARMONICA INSIEME

Un simpatico ometto con il cappello che suona la chitarra e l'armonica insieme

Vuoi imparare a suonare l’armonica e la chitarra assieme? Sei nel posto giusto!

Leggi questo articolo e ascolta i file audio che ti propongo utilizzando i link che trovi in questa pagina. Esercitati con i miei esercizi e scoprirai che i due strumenti musicali di cui parlo, quando messi assieme diventano uno strumento davvero formidabile. Buona lettura! 

Materiale della lezione con file audio e partiture.

In una lezione che ho pubblicato qualche settimana fa abbiamo imparato come utilizzare un’armonica in DO su una progressione di accordi della stessa tonalità di DO maggiore. Quando si suona l’armonica di uguale tonalità del brano si dice che stiamo suonando in prima posizione. Se vuoi saperne di più riguardo a questa materia delle posizioni puoi consultare la mia lezione dedicata all’interno del corso introduttivo gratuito sull’armonica diatonica.

Se non possiedi ancora un'armonica in DO puoi trovarne una qui:

Hohner Special 20 in DO.

Oggi suoneremo questa armonica su una progressione di accordi della tonalità di SOL maggiore, in questo caso diciamo che stiamo suonando in seconda posizione. Per trovare subito l’armonica da utilizzare per suonare in seconda posizione ti basta sapere che la sua tonalità deve distare una quarta da quella del brano. Per esempio: brano in SOL, armonica in DO; si contano infatti SOL, LA, SI, DO.

Dove sono sull’armonica in C le note utili a suonare in tonalità di SOL maggiore? Lo vediamo subito:

Prima di tutto ti dico qual è la nota che dovresti evitare: il FA che trovi sui fori 5 aspirato e 9 aspirato. Questa nota è la settima minora della scala di SOL, visto che suoniamo in tonalità maggiore dovremmo usare la settima maggiore che è FA diesis. La sfortuna vuole che il FA diesis non sia una nota presente sull’armonica diatonica e per suonarla dobbiamo ricorrere alla tecnica del bending: la troviamo infatti sul foro 2 aspirato con bending di un semitono e sul foro 9 soffiato con bending sempre di un semitono. Cosa fare se non si è ancora capaci di piegare le note? Non c’è problema, evitiamo il FA naturale e utilizziamo maggiormente le note che suonano bene sulla scala maggiore, per esempio potremmo utilizzare la scala pentatonica di SOL.

Questa scala è composta dalle note SOL, LA, SI, RE e MI; per suonarla sulla parte bassa dell’armonica necessitiamo di un bending sul foro due aspirato (questa volta di due semitoni) ma tutte le note sono invece presenti se lavoriamo sui fori da 3 a 10.

Il fatto di non avere la nota FA diesis in effetti diventa un vantaggio quando suoniamo un brano blues: il blues utilizza accordi di settima di dominante, quindi la scala di rifermento sarebbe SOL7 che contiene il FA al posto del FA diesis. In questo caso la nostra armonica diatonica è perfetta per essere suonata in seconda posizione. Questo è il motivo per cui il 90% dei brani blues con armonica sono suonati in seconda posizione.

Cominci a comprendere cosa significa e perché si sceglie di suonare in una posizione o l’altra? Lo si fa soprattutto perche ogni posizione offre delle note che possono risultare più o meno comode per il nostro scopo.

Nell’immagine di seguito trovi lo schema delle note dell’armonica diatonica in DO (chiamata anche in C). Individua dove sono le note utili per suonare in seconda posizione, praticamente tutte tranne ho descritto prima: il foro 5 aspirato e il foro 9 aspirato.

Le note sull'armonica diatonica con evidenziate quelle da eviitare sui fori 5 e 9 aspirati

Oggi assumo che tu sia già in grado di suonare la chitarra e gli accordi che ho scelto, lo scopo di questa lezione è infatti aiutarti a capire come aggiungere l’armonica al tuo strumento principale.

Per questo esercizio, prenderemo una sequenza di accordi della tonalità di SOL maggiore e con l’armonica suoneremo delle frasi musicali. Gli accordi che ho scelto sono i seguenti:

SOL maggiore, DO maggiore, LA minore, DO maggiore, RE maggiore, seguiti da SOL maggiore, DO maggiore, LA minore, RE maggiore.

Su questa progressione suoneremo le seguenti frasi musicali, partendo dalla parte bassa dell’armonica e procedendo verso le note più acute:

SOL, SI, DO, poi RE, MI, SOL. Successivamente SI, RE, MI, e per concludere SOL e LA.

Ascolta la sequenza di note con l’armonica legate.

Ascolta la sequenza di note con l’armonica Staccate.

Con questa sequenza percorriamo i fori dal 2 al 10 suonando le note che fanno parte della scala di sol maggiore evitando accuratamente il FA naturale sui fori cinque e nove. Di seguito trovi i fori da suonare per queste melodie:

2 aspirato, 3 aspirato, 4 soffiato. Poi 4 aspirato, 5 soffiato e 6 soffiato.

Seguono 7 aspirato, 8 aspirato, 8 soffiato, 9 soffiato; e per ultimo il 10 aspirato.

Nei file audio che puoi trovare cliccando sui link qui sotto, potrai ascoltare l’esercizio da me suonato. La prima volta l’ho eseguito utilizzando gli accordi e successivamente al loro posto ho usato degli arpeggi. Suonando la sequenza di note con l’armonica sugli arpeggi otteniamo un effetto davvero piacevole. Quando si mettono assieme due melodie si crea una bella armonizzazione. Chiaramente se conosci diverse tecniche per suonare la chitarra, riuscirai a produrre delle sonorità davvero interessanti.

Oltre all’esercizio, in questa lezione ho anche inserito un pezzetto di un famosissimo brano degli 1990, di un duo musicale chiamato Extreme e il cui titolo è “More than Words”. Buono studio e contattami se vuoi saperne di più su come mettere insieme chitarra e armonica!

Esercizio eseguito con gli accordi.

Esercizio eseguito con gli arpeggi.

Esempio di armonica e chitarra su More than words degli Extreme.